Sostenibilità

Sociale

Sicurezza ed equità. Per tutti.

In Pietro Fiorentini abbiamo sempre tenuto in grande considerazione non soltanto i nostri clienti e dipendenti, ma anche la collettività. Dagli investimenti per aumentare la sicurezza sul lavoro alle iniziative di formazione e di collaborazione con scuole e università, dalla valorizzazione delle diversità e dell’inclusione ai rapporti con le comunità locali, fino ai progetti di innovazione destinati a rendere il futuro più accessibile per tutti.

La sicurezza è la nostra priorità principale. I nostri dipendenti, collaboratori e fornitori svolgono un ruolo fondamentale e hanno diritto a ricevere il massimo livello di tutela.

Considerando le sedi aziendali distribuite nel mondo, il Gruppo conta complessi­vamente più di 2.400 collaboratori. Il rapporto di lavoro è garantito in modo continua­tivo, con circa il 95% dei dipendenti assunti con contratto a tempo indeterminato. Nel 2021 gli ingressi sono cresciuti del 18% rispetto all’anno precedente, con circa il 49% costituito da gio­vani talenti con età inferiore ai trent’anni.

 

La gestione di tutte queste risorse, a partire dalla fase della selezione, rappresenta una delle maggiori priorità del Gruppo, con l’obiettivo ulti­mo di assicurare che ciascuno possa rag­giungere il massimo del potenziale. Con questa consapevolezza l’Azienda ha defini­to una People Strategy studiata per racchiude­re e valorizzare tutti i progetti dedicati a poten­ziare il capitale umano.

 

La tutela dei propri collaboratori e di tutti gli stakehol­der esterni con i quali si interfaccia è assolutamente prioritaria per l’Azienda, anche in coerenza con quan­to previsto dalla ISO 45001 – Sistema di Gestione Salute e Sicurezza, che copre tutti i dipendenti dei siti italiani. La funzione HSE (Health, Safety and Environment) si occupa di gestire incidenti e infortuni sul posto di lavoro, nonché segna­lazioni di pericolo (concern) e quasi inci­denti (near miss).

 

L’apprendimento continuo fa parte della cul­tura dell’azienda, che incoraggia tutti i colla­boratori a migliorare costantemente le pro­prie conoscenze e competenze, grazie a un modello di sviluppo integrato che coniuga l’apprendimento attraverso il training on the job e la formazione teorica (in aula o virtuale). Nel 2021 sono state erogate circa 48 ore di formazione medie per collaboratore.

 

L’Azienda è impegnata costantemen­te per garantire l’uguaglianza sul lavoro e pari opportunità di sviluppo e crescita pro­fessionale senza considerare razza, colore della pelle, religione, sesso, età, abilità fisi­che, nazionalità, orientamento sessuale, orientamento politico, stato civile, ecc. Que­sto approccio assume ancora più rilevanza se si considera che, nelle oltre 30 sedi in tutto il mondo, sono più di 20 le nazionalità dei collaboratori della Pietro Fiorentini.

 

Da diversi anni è attivo un programma di corporate wellbeing, ossia di promozione del benessere dei collaborato­ri, con l’obiettivo di migliorarne la salute, la motivazione e il coinvolgimento. Dopo quelle svolte nel 2017 e nel 2019, nel 2022 verrà effet­tuata una terza indagine di clima tra la po­polazione aziendale per ridefinire le priorità, cogliere nuovi bisogni e ricevere opinioni in merito alle attività svolte.

 

Oltre allo sviluppo profes­sionale e al benessere dei propri collaborato­ri, l’Azienda considera l’impatto generato nei confronti dei propri partner lungo la catena di creazione di valore (sia clienti, sia fornitori) e nelle comunità locali e nei territori presso i quali opera.

 

Il tema della centralità del cliente rappresenta uno dei pilastri su cui si fonda la visione strategica del Gruppo. Tutte le soluzioni offerte sono pensate e sviluppate avendo sempre come priorità la sicurezza, combinata con la garanzia di performance qualitative co­stanti. La diffu­sione della cultura della qualità passa anche per l’implementazione di un sistema di gestio­ne interno fondato sia sulla certificazione ISO 9001, sia su una serie di certifi­cazioni del prodotto o servizio offerto. La soddisfazione del cliente viene perseguita e garantita tramite la piattaforma di CRM (Customer Relationship Management), in cui è di­sponibile anche una funzione di issue management per la racco­lta di eventuali reclami a cui l’azienda può rispondere in modo puntuale.

 

Una relazione equa e trasparente con i fornitori rappre­senta un altro aspetto fondamentale del business di Pietro Fiorentini, soprattutto se si considera l’attuale contesto contrad­distinto da una difficoltà nell’approvvigiona­mento di specifici componenti e materiali, dall’aumento dei prezzi delle materie prime e dalle tensioni legate sia a crisi geopolitiche sul piano internazionale che alla sfida della transizione energetica. In ottica di gestione dei rischi lungo la catena del valore, nel 2021 l’Azienda ha proseguito e potenziato le politiche di reshoring, volte a selezionare fornitori nel Paese di appartenenza, e dual sourcing, al fine di rifornirsi per un medesimo prodotto da partner commerciali globali. L’approccio di gestione della catena di forni­tura si ispira, inoltre, al principio del Local for Local, al fine di rendere ogni società del Gruppo per quan­to possibile au­tonoma; a dimostrazione di questo impegno, i fornitori locali sono complessivamente pari all’87% del totale.

 

La responsabilità sociale del Gruppo si concretizza, infine, in iniziative specifiche di supporto a favore delle associazioni locali e in attività di formazione dedicate alle future generazioni su temi collegati al proprio business. In particolare, nel 2021 è stata avvia­ta la prima edizione della C-Lean Energy Academy, percorso di formazione focalizza­to sui temi della transizione energetica, dell’innovazione sostenibile e dell’applicazio­ne del Lean & Agile Management nei contesti organizzativi.

Scrolla in alto
TOP
Please turn to portrait for a better experience

Passa in modalità portrait
per una migliore esperienza