News

Jim Womack in visita presso la sede Pietro Fiorentini di Rosate

Jim Womack in visita presso la sede Pietro Fiorentini di Rosate

Nella giornata di ieri, 14 Novembre 2019, il padre del Lean Thinking Jim Womack ha visitato la sede Pietro Fiorentini di Rosate. Tutt’oggi uno dei massimi esperti mondiali nell’applicazione della metodologia Lean nelle organizzazioni, Jim Womack da molti anni insegna alle aziende la creazione di valore attraverso l’innovazione continua e la conoscenza profonda del cliente. 

La giornata è stata divisa in due momenti formativi. Al mattino, alla presenza di oltre quaranta dipendenti di Pietro Fiorentini, Womack ha guidato un Gemba Walk, un tour attraverso le zone produttive dello stabilimento di Rosate durante il quale ha fornito importanti spunti di miglioramento dei processi e della comunicazione tra le varie aree.

Le passeggiate nel Gemba (dove Gemba sta per “posto dove si lavora” inteso come il luogo in cui succedono le cose e nascono le problematiche) hanno l’obiettivo di coltivare lo sviluppo sistematico d’impresa in linea perfetta con la filosofia Kaizen del miglioramento continuo, andando a verificare dal vivo le capacità dei membri dell’organizzazione di riconoscere le potenzialità delle azioni che compiono nella quotidianità e la predisposizione ad individuare spunti di crescita. Lo spirito del Gemba Walk è quello della cooperazione, per rafforzare il rapporto tra chi lavora nei diversi reparti e cercate di trasformare questi momenti quotidiani in una crescita professionale di tutti, nessuno escluso.

Nell’incontro del pomeriggio con imprenditori e manager di importanti aziende italiane invitati alla sua Masterclass, Womack si è invece concentrato nella spiegazione della profonda differenza che esiste tra i concetti di lavoro (attività che creano valore percepito dal cliente), lavoro incidentale (attività che non creano valore ma che sono necessarie per il lavoro vero e proprio) e spreco (attività che non creano valore e non sono necessarie), e le sue idee sulla creazione di valore in un mondo in rapida evoluzione in cui i clienti spesso cercano una soluzione a problemi complessi.

«La crescita è una cosa buona ma solo se parliamo di crescita del valore, non se si tratta di far crescere gli sprechi. Vogliamo che il primo cresca, ma che i secondi si riducano». Questo uno dei capisaldi del pensiero di Womack, che ha illustrato l'applicazione di strumenti specifici e le prospettive a lungo termine dei diversi modelli di management. Invece di concentrarsi su come risolvere i problemi che si incontrano sul percorso con azioni a breve termine, il nuovo obiettivo del Lean Thinking è quello di prevedere come sarebbe possibile alzare gli standard stessi, implementando progetti di miglioramento che abbiano un orizzonte di medio-lungo termine
Quali sono le sfide che stiamo affrontando e quali dovremo affrontare in futuro? Come possiamo confrontarci con la grande incertezza del mondo moderno? Come la metodologia Lean può aiutare ad affrontare queste sfide? Domande complesse, a cui Jim Womack ha provato a dare la sua risposta in questa speciale giornata, che ci auguriamo tutti i partecipanti abbiano apprezzato.

«Credo che la giornata di oggi sia stata una straordinaria opportunità formativa – afferma Mario Nardi, Amministratore Delegato del Gruppo Fiorentini – Jim Womack è un personaggio che non ha bisogno di presentazioni, almeno per noi che facciamo del Lean Management il nostro pane quotidiano. Ho conosciuto Jim diversi anni fa grazie ad Arnaldo Camuffo e lo ritengo in assoluto uno dei migliori esperti del settore industriale. Un doveroso ringraziamento va anche all’Istituto Lean Management e a Roberto Ronzani, che hanno contribuito ad organizzare questo evento presso la nostra sede».

«In uno dei miei libri ho definito Pietro Fiorentini “la Toyota d’Italia” – ricorda Arnaldo Camuffo, Professore Ordinario di Organizzazione Aziendale presso l’Università Bocconi di Milano – ossia un esempio dell’applicazione della metodologia Lean nel contesto produttivo nazionale. Jim Womack è molto selettivo nello scegliere le aziende da visitare nei suoi incontri, per cui la scelta di venire a Rosate credo sia un importante riconoscimento del lavoro svolto in Pietro Fiorentini durante tutti questi anni».

«Pietro Fiorentini è un’azienda per me molto interessante, perché è stata una early adopter del Lean Thinking quando molti non ne conoscevano nemmeno l’esistenza – dichiara Jim Womack – Il Lean Movement è partito molto tempo fa in Giappone, negli anni Sessanta, come metodologia di analisi dei processi. Da allora molte aziende hanno applicato, o quantomeno tentato di farlo, i principi della Lean, ma poche sono state in grado di farlo con la costanza e l’efficacia di Pietro Fiorentini». 

Jim Womack è fondatore e Senior Advisor del Lean Enterprise Institute, società no-profit nata nell'agosto 1997 operante nella ricerca e nella formazione con lo scopo di diffondere una serie di idee note come Toyota Production System e Lean Thinking, usati sul sistema sviluppato da Toyota e ora esteso ad un intero Sistema di Gestione Lean. I suoi libri più conosciuti sono: “La macchina che ha cambiato il mondo” (Macmillan & Rawson Associates, 1990), “Lean Thinking” (Simon & Schuster, 1996), “Lean Solutions” (Simon & Schuster, 2005). Da lì in avanti il concetto di Lean si è diffuso con forza negli Stati Uniti, in Europa e nel resto del mondo, in tutti i settori economici.

Womack ha ricevuto una laurea in scienze politiche all'Università di Chicago nel 1970, la laurea in Sistemi di trasporto ad Harvard nel 1975 e un dottorato di ricerca in Scienze Politiche all'MIT nel 1982 per una tesi sulla politica industriale comparata tra Stati Uniti, Germania e Giappone. Durante il periodo 1975-1991, è stato ricercatore a tempo pieno presso l'MIT dove ha diretto una serie di studi comparativi sulle pratiche di produzione mondiali. Come direttore della ricerca del Programma Internazionale del Veicolo a Motore del MIT, Womack ha guidato il team di ricerca che ha coniato il termine “Produzione Lean” per descrivere il sistema di business di Toyota.

 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info